Cos'è il conto energia? Stampa

Il conto energia è un incentivo statale che non interviene nella fase dell'investimento iniziale, ma incoraggia la produzione stessa dell'energia elettrica. Questo sistema di finanziamento, infatti, fa si' che tutta l'energia elettrica prodotta venga remunerata, generalmente ogni mese, dal (GSE) Gestore dei Servizi Energetici per i primi venti anni di vita dell'impianto connesso alla rete La normativa prevede che l’utente possa scegliere tra due modalità di collegamento e di calcolo economico: “Scambio sul posto”o “Cessione alla rete”.
La possibilità di scelte tra queste due forme di connessione è concessa solo per impianti con potenza inferiore ai 20kwp. 

Nella prima l’utente consuma l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico e, se non basta, attinge dalla rete. Se produce energia e non la consuma, la immette in rete.

 

Il gestore della rete, alla fine del periodo di calcolo, compensa i consumi con l’energia immessa e l’utente pagherà solo il conguaglio.


Nel caso della “Cessione alla rete”, l’energia prodotta e consumata riduce il prelievo di energia dalla rete, facendo risparmiare l’utente, mentre l’energia prodotta localmente e non consumata viene venduta al gestore della rete con tariffe fissate dalle normative AEEG.

DOMANDE FREQUENTI

1. Chi può inoltrare la domanda di accesso al Conto Energia?

Privati, condomini, aziende, enti pubblici, scuole private e pubbliche.

2. Chi gestisce le richieste dell’incentivazione?

Il GSE ( Gestore servizi energetici) di Roma.con un sito dedicato www.gse.it

3. Cosa occorre inviare?

Un progetto preliminare (firmato da un tecnico abilitato) e una serie di autodichiarazioni. Inoltre il valore della tariffa incentivante erogata varia in funzione di alcune caratteristiche dell’impianto: la classe di potenza e il grado d’integrazione architettonica dell’impianto.

4. Dove posso installare un impianto fotovoltaico?

I moduli fotovoltaici possono essere collocati su qualsiasi pertinenza di un immobile (tetto, facciata, terrazzo) o sul terreno. La decisione deve essere presa in base all’esistenza sul sito d’installazione dei seguenti requisiti: disponibilità di spazio necessario per installare i moduli; corretta esposizione ed inclinazione della superficie dei moduli. Le condizioni ottimali in l’Italia sono: esposizione SUD (accettabile anche SUD-EST, SUD-OVEST, con ridotta perdita di produzione); inclinazione dei moduli compresa fra 25°(latitudini più meridionali) e 35°(latitudini più settentrionali); assenza di ostacoli in grado di creare ombreggiamento.

5. Quanto tempo può durare un impianto fotovoltaico?

Nelle analisi tecniche ed economiche si usa fare riferimento ad una vita utile complessiva di 30-35 anni. In particolare, i moduli, che rappresentano i componenti economicamente più rilevanti, hanno in generale una durata di vita garantita dai produttori fino a 25 anni.

6.In quanto tempo si recupera il capitale investito?

In prima approssimazione si può stimare un tempo di ritorno del capitale investito , al Nord Italia tra i 10 - 12 anni.Al Centro Italia tra gli 8- 10 ed al Sud Italia tra i 5 -8 anni

 

I valori delle tariffe incentivanti individuati dai decreti ministeriali sono pubblicati sul sito www.gse.it.
8.
Quanta elettricità produce un impianto fotovoltaico?

La produzione elettrica annua di un impianto fotovoltaico dipende da diversi fattori:

  • radiazione solare incidente sul sito d’installazione;
  • orientamento ed inclinazione della superficie dei moduli;
  • assenza/presenza di ombreggiamenti;
  • prestazioni tecniche dei componenti dell’impianto (moduli, inverter ed altre apparecchiature).

Prendendo come riferimento un impianto da 1 kW di potenza nominale, con orientamento ed inclinazione ottimali ed assenza di ombreggiamento, non dotato di dispositivo di “inseguimento” del sole, in Italia è possibile stimare le seguenti producibilità annue massime:

  • regioni settentrionali 1.000 - 1.100 kWh/anno
  • regioni centrali 1.200 - 1.300 kWh/anno
  • regioni meridionali 1.400 - 1.500 kWh/anno











































 

Ultimo aggiornamento Venerdì 13 Aprile 2012 10:00